Taccuino di disegni di
Giovannino de' Grassi

Il testamento grafico del maestro lombardo del gotico internazionale

Visualizza il Taccuino di disegni di Giovannino de' Grassi su FacsimileFinder.com


Galleria

Cassaf. 1.21
Biblioteca Civica "Angelo Mai", Bergamo (Italia)

Manoscritto su pergamena, 1390-1405 ca., 31 carte, 19 × 26 cm, 999 esemplari. Commentario italiano, abstract in inglese, tedesco, spagnolo.

Distributore Ufficiale per le Istituzioni su incarico de
Il Bulino - edizioni d'arte, Modena (Italy)
Stacks Image 460
€1.250 (Prezzo di listino)
Sconto considerevole per Istituzioni Culturali.
Giovannino de' Grassi, il grande Maestro
Il pavone disegnato da Giovannino de

Il Taccuino di disegni di Giovannino de Grassi è il manoscritto più noto e prestigioso della Biblioteca di Bergamo ed è universalmente riconosciuto come capolavoro del tardo gotico italiano ed europeo. Realizzato alla corte viscontea tra l’ultimo decennio del Trecento e i primissimi anni del Quattrocento, presenta 77 soggetti disegnati e colorati e 24 lettere figurate dell’alfabeto su 31 carte pergamenacee ben conservate, di formato variabile, da un massimo di 19 × 26 a un minimo di 17 × 22,7 cm, distinte in 4 fascicoli. Con il recente restauro attuato presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze è stata ripristinata l’originale legatura d’archivio cinquecentesca.

Le notizie biografiche sul Maestro del Taccuino restano alquanto nebulose. Nato forse a Milano tra il 1355 e il 1360, Giovannino de Grassi diresse la fabbrica del Duomo di Milano dal 1391 fino alla morte avvenuta nel 1398. Giovannino è riconosciuto come il maggior artista lombardo del tardo Trecento; l’alta qualità della sua opera, la sua statura intellettuale, gli evidenti contatti stilistici con i centri franco-fiamminghi e boemi dell’arte cortese, lo confermano primo protagonista del gotico internazionale italiano, che sarà poi continuato ed esaltato da Michelino da Besozzo, Belbello da Pavia e Pisanello. Oltre al Taccuino di Bergamo, gli sono attribuite somme opere miniate, quali il Beroldo, l’Offiziolo Visconti e il Tacuinum sanitatis.

L’alfabeto figurato

Il celebre alfabeto figurato, contenuto nel Taccuino, è miniato su cinque straordinarie carte, monocrome le prime due, policrome le altre. Le lettere sono costruite attraverso l’intreccio di figure umane, icone religiose e votive, animali e bizzarre invenzioni della fantasia gotica.

L’edizione in facsimile
Il Taccuino dei Disegni di Giovannino de

La realizzazione del facsimile è stata concomitante al restauro del Taccuino: la conoscenza di ogni dettaglio ha permesso di conseguire la massima fedeltà. Le carte, fustellate secondo l’irregolarità dell’originale, sono cucite a mano in quattro fascicoli e raccolte in rilegatura d’archivio. La tiratura in esclusiva mondiale è di 999 esemplari numerati. Il commentario, di 64 pagine, contiene saggi di O. Bravi, M.G. Recanati, M.G. Vaccari e L. Montalbano. Il codice, protetto entro una busta di velluto, e il commentario sono custoditi in cofanetto.